Scuole e docenti

Piccole e medie imprese

Professionisti di settore

Videocorsi firmati Novacom



Come progettare un logo

Come progettare un logo? È la domanda che ci viene posta più spesso quando parliamo di grafica e brand identity.

Il punto di partenza per costruire un brand di successo, che sia solido e rispettabile fin dal primo impatto con l’utente, è la progettazione del logo.
Ogni azienda che ha a cuore il suo brand, che vuole dare ancora più valore alla sua attività, qualsiasi essa sia, deve avere un logo che rispecchi l’anima, l’essenza e la mission del brand.

Oggi quindi vogliamo parlarti proprio di questo. Ovvero come partiremo per iniziare a costruire il tuo brand. Cominceremo proprio dal logo, che sarà la fotografia della tua azienda, della tua attività e comunicherà ai tuoi clienti e al tuo target potenziale, fin dal principio, cosa vuoi trasmettere, i valori e la mission della tua attività, l’anima stessa di ciò che fai.

COME PROGETTARE UN LOGO DAL PRINCIPIO: UN PO’ DI STORIA

Ma facciamo un passo indietro. Sai quanti tipi di loghi esistono? Te lo spieghiamo subito:

LOGOTIPO: “Sigla, nome o titolo di particolare forma grafica, che come simbolo identifica un ente, un’azienda, un prodotto; usata spesso anche l’abbr. logo.” 

Il dizionario italiano di Google racchiude la definizione perfettamente. Il logotipo infatti non è altro che il logo aziendale composto esclusivamente da un gruppo di due o più caratteri tipografici, i quali uniti insieme formano il logo ufficiale dell’azienda.

ICONA: L’icona è il simbolo, il disegno che rappresenta il nostro brand e grazie al quale lo rendiamo unico nel suo genere e (se progettato con il giusto equilibrio tra creatività e metodologia) riuscirà a creare nell’occhio dell’utente la giusta tensione e le giuste emozioni per conquistarlo.

LOGOMARCHIO: Il logomarchio non è altro che l’insieme del logo (ovvero dei caratteri tipografici) e del segno/dei segni che compongono la nostra icona. Unendo questi due elementi creeremo il logo marchio.

MARCHIO, TRADEMARK, MARCHIO REGISTRATO: “Il marchio, in diritto, indica un qualunque segno suscettibile di essere rappresentato graficamente.”

Questa volta ci viene in aiuto Wikipedia. Il Marchio è quindi l’insieme di tutti gli elementi che rappresentano un’azienda, un brand. Tramite questo, possiamo differenziarci ancora di più dai nostri competitor, perché darà al nostro brand unicità senza precedenti.

Per definire il marchio come registrato si usa il simbolo “®” che indica appunto la registrazione presso gli enti statali appositi (ad esempio la Camera di commercio).

In alternativa al marchio registrato esiste il Trademark, definito dal simbolo “™”, il quale indica appunto che la parola o il simbolo che precede tale carattere è un marchio, ma non registrato.

COME PROGETTARE UN LOGO GIUSTO?

PASSO UNO: IL BRIEF

Non tutti sanno che il primo passo per progettare un logo non è il disegno, non è l’idea, non è la documentazione. È il brief. 

Il brief è un documento utilizzato per mettere nero su bianco gli obiettivi che l’azienda committente ha intenzione di raggiungere con un determinato prodotto e in questo caso, con il logo. Perciò il primo scalino sarà stilare il brief, dove ci comunicherai quali sono i tuoi obiettivi, quali sono i tuoi valori, qual è il tuo audience, il tuo target, quali emozioni vuoi suscitare negli occhi di chi ti guarda e ti guarderà in futuro.

Noi metteremo insieme tutte queste informazioni per tirare fuori un’idea di design progettata secondo queste regole, le tue.

PASSO DUE: IL DISEGNO

Il brief sarà la nostra sceneggiatura. Tramite questo prezioso documento, prenderemo carta e penna per trasformare in design tutte le sensazioni che ci hai trasmesso e che dovranno arrivare all’utente finale, cercando di suscitare emozione, empatia e altri impulsi per far si che quel logo riesca a entrare nella memoria emotiva delle persone.

Il disegno sarà la prima vera stesura del tuo logo, dove ti presenteremo 3 versioni sotto forma di bozza, tra le quali ne seglierai una, che verrà sviluppata nella fase successiva.

PASSO TRE: RENDERING

Ora che hai scelto la versione che abbiamo preparato per te, passeremo al computer e tramite i nostri software cominceremo a renderizzare la bozza creata su carta. Il rendering sarà un passaggio chiave, in quanto è qui che si dovrà curare l’impaginazione, il bilanciamento del bianco e il nero, la scelta dei colori, il posizionamento dei vari elementi e la fusione tra caratteri e (se previsti) segni e icona.

Sarà come portare in bella copia un libro al quale ci abbiamo lavorato approfonditamente durante la fase di disegno, come quando il film appena girato passa in sala di montaggio. 

SIAMO PRONTI A FARE IL SALTO DI QUALITÁ

Ora è tutto pronto. Abbiamo deciso insieme a te cosa dovrai comunicare con il tuo brand e il logo sarà il tuo cavallo di battaglia. Sarà il direttore d’orchestra che innalzerà la bacchetta prima che tutta la magia inizi. Sarà il momento più bello per la nascita del tuo brand. 

Non aspettare ancora. Contattaci per iniziare la tua comunicazione.

Questo articolo comprende dei link in affiliazione per Amazon. Per te non cambierà nulla, il costo è lo stesso tuttavia, se acquisterai tramite i link riportati sai che noi avremo una piccola percentuale e contribuirai così alla nostra crescita professionale.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Autore

Mi occupo della gestione web e le grafiche offline di Novacom Video, collaborando con tutto il team per una comunicazione sempre efficace! Vi aspetto sul blog!
Bobby - Il Web Designer

Categorie

Tag

In evidenza

Come scrivere una sceneggiatura – la premessa drammaturgica

Come scrivere una sceneggiatura – la premessa drammaturgica

Tutti noi che amiamo il cinema e i film ci siamo chiesti almeno una volta: ma come si scrive una sceneggiatura?
Una sceneggiatura si scrive per step, piccoli passi.
Uno dei più grandi problemi che incontriamo quando siamo di fronte al famoso “blocco dello scrittore” è dovuto al fatto che spesso scriviamo dando subito fuoco alla fantasia senza razionalizzare la storia da scrivere.
Quindi, come si comincia a scrivere una sceneggiatura?
Il primo step per scrivere un’ottima sceneggiatura è la “premessa drammaturgica”.

leggi tutto

Rimani sempre aggiornato

Non perderti gli ultimi articoli pubblicati

Come scrivere una sceneggiatura – la premessa drammaturgica

Come scrivere una sceneggiatura – la premessa drammaturgica

Tutti noi che amiamo il cinema e i film ci siamo chiesti almeno una volta: ma come si scrive una sceneggiatura?
Una sceneggiatura si scrive per step, piccoli passi.
Uno dei più grandi problemi che incontriamo quando siamo di fronte al famoso “blocco dello scrittore” è dovuto al fatto che spesso scriviamo dando subito fuoco alla fantasia senza razionalizzare la storia da scrivere.
Quindi, come si comincia a scrivere una sceneggiatura?
Il primo step per scrivere un’ottima sceneggiatura è la “premessa drammaturgica”.

leggi tutto

Premi REC e iniziamo a filmare la tua storia

Contattaci per saperne di più

 

Raccontaci la tua idea tramite il form qui accanto. Fisseremo un appuntamento per parlare della tua storia davanti a un buon caffè. Senza impegno.

[contact-form-7 404 "Non trovato"]